riconsociuti header

 

LAC2014

3RD INTERNATIONAL LANDSCAPE ARCHAEOLOGY CONFERENCE 2014

lac logo

3RD INTERNATIONAL LANDSCAPE ARCHAEOLOGY CONFERENCE 2014 

Rome, 17th – 20th of September 2014

 

Archeologia e Paesaggio tra tutela e pianificazione

Legislazioni e nuove prospettive professionali per gli archeologi europei 

Il seminario propone un confronto tra i rappresentanti di Istituzioni Archeologiche, Archeologi professionisti e Università di alcuni Stati membri della Comunità Europea in relazione alle normative e alle pratiche di gestione della tutela del patrimonio archeologico, con particolare riferimento alla pianificazione paesaggistica e alla progettazione del territorio.

L’incontro rappresenta un approfondimento ed un ampliamento su scala europea delle tematiche affrontate in un precedente convegno organizzato dalla CIA nel 2011 dal titolo “Archeologia e Paesaggio tra tutela e pianificazione” (in corso di stampa), dedicato al sistema di gestione integrato della tutela in rapporto alla pianificazione in Italia.

Negli ultimi anni il mondo dell’Archeologia ha subito importanti trasformazioni legislative, elaborate nell’intento di razionalizzare e modernizzare il sistema di tutela e potenziare gli strumenti di valorizzazione del patrimonio culturale.

Le esigenze avanzate dalla società contemporanea hanno determinato una continua evoluzione nella pratica della professione, che però ancora non ha trovato compimento nella costruzione di sistemi normativi di riferimento e di percorsi formativi adeguati.

Nell'analisi di tali processi, l’attenzione verrà focalizzata sul nuovo ruolo svolto dalle Istituzioni Archeologiche, sia a livello nazionale che regionale, e dagli archeologi professionisti nell’ambito delle ricerche legate alle pianificazioni territoriali e paesaggistiche e alla costruzione delle grandi infrastrutture. Nel seminario si svolgerà un confronto tra le leggi formulate in materia di Archeologia Preventiva nei paesi membri della Comunità Europea chiamati ad intervenire, con la presentazione di alcuni casi di applicazione.

FINALITA’

Obiettivo primario del convegno è di offrire un prezioso momento di confronto ai rappresentanti europei di Istituzioni culturali, professionisti e Università riguardo uno dei temi centrali dell’Archeologia contemporanea. Partendo dall'analisi della situazione attuale dei paesi membri della Comunità Europea scelti, il dibattito potrà contribuire all'elaborazione di proposte per l'individuazione di nuovi strumenti e procedure per la gestione della tutela, della valorizzazione e della pianificazione territoriale. L'incontro potrebbe offrire un contributo sostanziale alla sempre più pressante necessità di elaborare degli standard normativi su scala europea in materia di Beni Culturali.

Inoltre, il confronto su scala europeo delle nuove forme di evoluzione della professione degli Archeologi, soprattutto in riferimento alla progettazione e alla modellazione del paesaggio e del territorio, potrà costituire la base su cui costruire un documento condiviso di riconoscimento e valorizzazione della figura degli Archeologi all’interno della Comunità Europea.

DESTINATARI

Il tema del convegno sarà di grande interesse per le istituzioni culturali, le università, le amministrazioni pubbliche, i professionisti e gli studenti di archeologia. Il convegno offrirà ai rappresentanti delle istituzioni un'importante occasione di conoscenza reciproca e confronto di esigenze, da cui potranno scaturire interessanti e utili proposte. Per i migliaia di professionisti che operano nel settore, dagli archeologi agli architetti pianificatori e paesaggisti, il seminario costituirà un prezioso momento di aggiornamento professionale e l’occasione di individuare nuove prospettive lavorative.

Contatti:

Valentina Di Stefano

Ufficio Stampa Confederazione Italiana Archeologi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Alessandro Pintucci

Presidente Confederazione Italiana Archeologi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

reader 128

ENG SESSION VERSION

 

reader 128

CALL FOR ABSTRACT

 

reader 128

 

RELAZIONE INTRODUTTIVA CIA

reader 128

 

PRESENTING SPEECH CIA

Stampa Email

03.03.2013 - DISCOVERING THE ARCHAEOLOGISTS OF EUROPE – DIGGING IN THE CRISIS

YAT Logo Colour logo cia discoEU flag LLP EN-01 invito piccolo 

 

Convegno a Roma - Sala Conferenze - Terme di Diocleziano - 14 marzo 2013 

 

Discovering the Archaeologists of Europe – Digging in the crisis

 

La Confederazione Italiana Archeologi organizza il convegno “Discovering the Archaeologists of Europe – Digging in the crisis” il prossimo giovedì 14 marzo presso il Museo Nazionale Romano, nella sede delle Terme di Diocleziano dalle ore 11.

 

Il convegno è parte integrante di “Discovering the Archaeologists in Europe 2014”, un Progetto finanziato dalla Comunità Europea che si svolgerà tra il 2012 e 2014, coinvolgendo ben 19 paesi europei. “Siamo molto orgogliosi – afferma il Presidente Alessandro Pintucci – di rappresentare l’Italia in un Progetto di grande rilevanza. Il contributo degli archeologi italiani sarà fondamentale per contribuire alle attività di monitoraggio, sviluppo e valorizzazione della formazione e del lavoro degli archeologi europei.

 

Il Progetto si concentrerà sull’analisi della crisi economica e della sua ricaduta sugli archeologi e su tutto il mercato del settore,  tentando di individuare le prospettive occupazionali e gli elementi utili per uscire dalla crisi. 

 

La connotazione internazionale del progetto – continua il Presidente Alessandro Pintucci –  speriamo imporrà di fare un salto di qualità anche al dibattito nazionale sulla figura professionale dell'archeologo, offrendo un confronto prezioso con realtà europee che spesso presentano problematiche simili a quelle italiane, ma ordinamenti legislativi o soluzioni normative differenti. Non possiamo più permetterci di ragionare in termini di paese, dobbiamo alzare la testa e guardare all’Europa, costruendo insieme ai colleghi europei delle proposte comuni di riforma della nostra professione e del sistema dei beni culturali.

 

Il convegno “Discovering the Archaeologists of Europe – Digging in the crisis”, dove verranno anche presentati i risultati della prima edizione del Progetto, sarà incentrato sulle tematiche della professione e sul ruolo sociale dell’archeologo in Europa. Parteciperanno come relatori i delegati delle associazioni professionali dei paesi partecipanti, rappresentanti delle istituzioni italiane e di istituti archeologici stranieri che operano in Italia.

 

reader 128

 

scarica il programma

Stampa Email

DISCO 2014 - Digging in the crisis

YAT Logo Colour       logo cia disco   EU flag LLP EN-01

 

Discovering Archaeologists in Europe è un PROGETTO EUROPEO al quale la Confederazione Italiana Archeologi partecipa in rappresentanza del nostro Paese: 

Discovering Archaeologists in Europe è un progetto finalizzato al monitoraggio, allo sviluppo e alla valorizzazione del lavoro degli archeologi europei che attinge i finanziamenti dal Leonardo da Vinci Project e da altri fondi pubblici e privati. 

Giunto alla sua 2° edizione, è stato realizzato per la prima volta durante il biennio 2006‐2008 e ha visto la partecipazione di 12 Paesi dell’UE e delle rispettive associazioni professionali, oltre che di numerose istituzioni culturali.
I risultati della 1° edizione del progetto, reperibili all’indirizzo http://www.discovering-archaeologists.eu/, hanno consentito di conoscere meglio e quantificare le condizioni di lavoro e le esperienze professionali di decine di migliaia di archeologi in tutta l’Unione.
 
Questa 2° edizione si baserà su dati relativi al biennio 2012‐2014 di 19 paesi europei, focalizzandosi sulla crisi economica e sulla sua ricaduta nel settore archeologico e nei BB.CC., cercando di individuare gli elementi utili per uscirne, in primis la centralità della formazione. 

La rilevanza di Discovering Archaeologists in Europe e la connotazione internazionale del progetto aggiungono una lente di ingrandimento all dibattito nazionale sulla figura professionale dell'archeologo, contribuendo al confronto con realtà europee che spesso presentano problematiche simili a quelle italiane ma ordinamenti legislativi o soluzioni normative affatto differenti.

In questo senso quando a Praga nel luglio del 2011 partecipammo alla riunione preparatoria del progetto, accettammo volentieri l'onere di organizzare il secondo degli incontri del DISCO 2014 a Roma, incontro che avverrà tra il 14 e il 17 Marzo p.v.

Nell'ambito di questo incontro tecnico con i rappresentanti delle realtà archeologiche di tutta Europa che si terrà nei giorni 15 e 16 marzo, abbiamo ritenuto ooportuno ideare, per giovedì 14 marzo, un dibattito pubblico, rivolto a tutti gli archeologi italiani in cui vengano presentati alcuni dati sul primo progetto DISCO 2006-08, cui non partecipava l'Italia, accanto alle novità introdotte dalla nuova edizione e le prospettive di lavoro e analisi che essa apre.

In questo convegno Discovering Archaeologists in Europe – Digging in the crisis, incentrato sulle tematiche della professione e sul ruolo sociale dell’archeologo in Europa, saranno chiamati a prendere parte alcuni relatori italiani accanto a quelli delle delegazioni estere partecipanti al progetto per mantenere aperta la discussione sulle criticità del nostro settore, che, in Italia, risente pesantemente della scarsa attenzione prestata nel corso degli anni alla necessità di adeguare l’intero sistema culturale alle nuove e reali esigenze del mercato del lavoro.

 

reader 128

scarica il programma

Stampa Email

Archeologia e Paesaggio tra tutela e pianificazione


La Confederazione Italiana Archeologi con il contributo del Consiglio Regionale del Lazio ha organizzato un convegno dal titolo Archeologia e Paesaggio tra tutela e pianificazione, che si è svolto martedì 29 marzo 2011 dalle ore 9.30 alle ore 18.30 presso la Sala Conferenze del Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo alle Terme.

locandina_CIA_convegno


Archeologia e paesaggio tra tutela e pianificazione
Il rapporto tra Stato, Regioni ed enti locali alla luce dei nuovi strumenti normativi

Lo sguardo (dalla teoria…)

PRESIDENTE: Adele CAMPANELLI

Valentina DI STEFANO                Confederazione Italiana Archeologi
Rita BORIONI                        Ricercatrice
Lidia DECANDIA                      Università degli Studi di Sassari-Facoltà di Architettura Alghero
Giovanni AZZENA                     Università degli Studi di Sassari-Facoltà di Architettura Alghero

Coffee break

Maria Pia GUERMANDI                 IBC Emilia Romagna
Anna PATERA - Marinella DEL BUONO -
FabriziO PAOLUCCI - Susanna SARTI   Dir. Reg. Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana - Sopr. Spec.Patrinio Storico, Artisitico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Firenze - Soprintendenza per i Beni Archeologici della ToscanaGiuliana
DE VITO                             Regione Lazio-Area Pianificazione paesistica e territoriale

Mirella SERLORENZI                  Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma

Conclusioni mattina Adele CAMPANELLI

Lunch

Il linguaggio (…alla pratica)

PRESIDENTE: VEZIO DE LUCIA
Luca ATTENNI                         Museo Civico di Lanuvio
Paola RINNAUDO                       Polo Museale Privernate
Rita PARIS                           Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma
Giuseppina GHINI-Emanuele LORET      Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio - ESA-ESRIN
Renato SEBASTIANI                    Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma

Coffee Break

Lorenzo ROMITO                       Osservatorio Nomade
Anna UTTARO                          Università degli Studi di Sassari-Facoltà di Architettura Alghero
Walter Tocci                         Camera dei Deputati PD
Lorenzo Ciocchetti                   Regione Lazio Assessore Politiche del Territorio e Urbanistica
 

Stampa Email

Professione Archeologo: dalla formazione universitaria all'attività lavorativa

La Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e la Confederazione Italiana Archeologi si fanno promotrici di un secondo incontro tra docenti di discipline archeologiche, rappresentanti delle Istituzioni preposte alla tutela e alla valorizzazione del nostro patrimonio storico-artistico (Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Enti Locali, Musei Civici), aziende private e liberi professionisti nel corso del quale verranno analizzati i problemi inerenti i vari aspetti della carriera lavorativa dell’archeologo.

Nella precedente Tavola Rotonda, svoltasi sempre a Tor Vergata il 4 novembre 2008 e dedicata espressamente alla formazione, è emerso il disagio degli studenti e dei docenti per il modo in cui gli attuali ordinamenti universitari preparano i giovani archeologi.

Mentre sono in stampa gli Atti di quell’incontro, si propone una nuova giornata di confronto fra docenti, operatori del settore e studenti, che si svolgerà a Tor Vergata, presso l’Aula Sabatino Moscati della Facoltà di Lettere lunedì 1 marzo 2010, dalle ore 9,30 alle 18,30 con i seguenti obiettivi:

  • Esaminare l'attuale situazione lavorativa dei giovani archeologi
  • Aiutare gli studenti a capire in che cosa consisterà il loro lavoro alla programmazione del loro futuro 
  • Individuare nuovi modi di vedere la professione in vista di uno sbocco occupazionale in un mercato del lavoro sempre più articolato
  • Chiedere ancora una volta il riconoscimento della nostra professione, talvolta esercitata da chi non ne ha titolo


locandina_professione_archeo_II

TAVOLA ROTONDA

Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
Via Columbia 1, Edificio B, Aula Sabatino Moscati
1 marzo 2010 ora 9,30-18

PROGRAMMA
Ore 9,30 Presentazione

Maria Donatella Gentili
Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”                       

Maria Cristina Leotta
Confederazione Italiana Archeologi

1 SEZIONE: L'UNIVERSITA' PER L?ARCHEOLOGIA

Stefano Tortorella
Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “Sapienza” di Roma
Anna Pasqualini
Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

2 SEZIONE: LA TECNOLOGIA APPLICATA ALL'ARCHEOLOGIA

Carla Maria Amici
Facoltà di Beni Culturali dell’Università degli Studi di Lecce
Augusto Palombini
CNR – Istituto per le tecnologie applicate ai Beni Culturali

Coffee break

3 SEZIONE: ARCHEOLOGIA E PROSPETTIVE DI LAVORO

Anna Patera
Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana
Silvia Vilucchi
Soprintendenza ai Beni Archeologici della Toscana
Claudio Mastracci e Roberto Giuliani
Business Innovation Center (BIC) Lazio

Pausa

Ore 15,00 Ripresa lavori

Mirella Serlorenzi
Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma
Francesco Maria Cifarelli
Direttore del Museo Archeologico Comunale di Segni
Stefano Coccia
Cooperativa Archeologia

4 SEZIONE: LA POLITICA PER L'ARCHEOLOGIA

On. Fabio Granata
Membro della Commissione Cultura Camera dei Deputati
Matteo Orfini
Responsabile Cultura Segreteria Nazionale Partito Democratico
Valente Spigone
Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Segni

DISCUSSIONE

Stampa Email