riconsociuti header

 
  • SERVIZI
  • NOTIZIE
  • AVVISIO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE IN ORDINE ALLA SISTEMAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI DELLA CITTA' DI ALCAMO

NOTIZIE

AVVISIO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE IN ORDINE ALLA SISTEMAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI DELLA CITTA' DI ALCAMO

Alcamo stemma

Al Sindaco di Alcamo (TP) o al facente funzione

All’Assessore alla Cultura del Comune di Alcamo (TP),

Dott.ssa Selene Grimaudo

Alla Soprintendente BB.CC.AA. di Trapani,

Arch. Paola Misuraca

Alla Dirigente dell’U.O. VIII Beni Archeologici della

Soprintendenza BB.CC.AA. di Trapani,

Dott.ssa Rossella Giglio

e, p.c.

all’Assessore BB.CC. e I.S. della Regione Siciliana,

Prof. Antonio Purpura

all’Ispettorato Provinciale del Lavoro – Trapani

 

Roma, 15-06-2015

 

Oggetto: Avviso per manifestazione di interesse in ordine alla sistemazione dei Beni Archeologici della Città di Alcamo

Con la presente la Confederazione Italiana Archeologi (CIA) e la Confederazione Nazionale Archeologi Professionisti (CNAP), associazioni professionali che per statuto tutelano la figura professionale dell’Archeologo, chiedono la sospensione dell’iter in oggetto, avviso pubblicato il 20 maggio 2015 sul sito web istituzionale del Comune di Alcamo, in cui non figura alcun numero di protocollo:

http://www.comune.alcamo.tp.it/novita/comunicati-stampa/2003-sistemazione-dei-beni-archeologici-scadenza-5-giugno.html

Il suddetto avviso desta forti perplessità. In particolare non tiene conto di alcune norme:

Legge 110/2014 che, modificando il D. Lgs 42/2004 (pure richiamato dall’avviso in oggetto). prevede (art. 1, comma 1): (Professionisti competenti ad eseguire interventi sui beni culturali). - 1. In conformità a quanto disposto dagli articoli 4 e 7 e fatte salve le competenze degli operatori delle professioni già regolamentate, gli interventi operativi di tutela, protezione e conservazione dei beni culturali nonché quelli relativi alla valorizzazione e alla fruizione dei beni stessi, di cui ai titoli I e II della parte seconda del presente codice, sono affidati alla responsabilità e all'attuazione, secondo le rispettive competenze, di archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, restauratori di beni culturali e collaboratori restauratori di beni culturali, esperti di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali e storici dell'arte, in possesso di adeguata formazione ed esperienza professionale.”

La normativa in materia di Beni Culturali non prevede dunque che tali attività possano essere svolte da Associazioni no profit.

Circolare del Dirigente Generale dell’Assessorato Regionale BB.CC e I.S. n.1 del 10 gennaio 2012 sulle prestazioni a titolo gratuito, che menzionano espressamente la “pretesa indennitaria azionata ex art. 2041, comma 1 del Codice Civile, configurandosil’indebito arricchimento da parte della pubblica amministrazione che abbia in qualunque modo riconosciuto l’utilità delle prestazioni richieste

Alle precedenti osservazioni si aggiungono anche elementi di natura etica:

- Il suddetto avviso prevede la valutazione del “Curriculum delle esperienze maturate dal soggetto (scil. Associazione Culturale senza fini di lucro) e/o dei loro associati”. Si configura dunque un doppio rischio: 1) sfruttamento del lavoro intellettuale di associati in possesso di adeguata formazione universitaria e esperienza professionale e 2) non garanzia di qualità scientifica dell’inventario a cui potrebbero partecipare anche persone senza alcuna specifica competenza, in quanto soci dell’associazione.

- Il fatto che lo statuto delle Associazioni Culturali senza scopo di lucro preveda “finalità di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali” non autorizza le stesse ad operare in ambiti di tutela, entro cui ricadono le attività di inventariazione e valutazione della consistenza patrimoniale del materiale archeologico.

L’avviso in oggetto è dunque ritenuto da CIA e CNAP fortemente lesivo nei confronti della professionalità degli Archeologi. Si invitano le amministrazioni in indirizzo a sospendere l’iter in oggetto e a volerlo riformulare con la previsione di fondi adeguati alla retribuzione di professionisti, secondo quanto previsto dal D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, articolo 7, commi 6 e 6-bis.

 

In attesa di riscontro si porgono distinti saluti.

 

Alessandro Pintucci

Presidente Confederazione Italiana Archeologi

 

Alessandro De Rosa

Presidente Confederazione Nazionale Archeologi Professionisti

 

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Stampa Email